Torrossa Online Digital Bookstore 0

Your store for digital research texts

Article Download | Copy/paste | Printing
                                        
Article, Freier Wille und Vorherbestimmung in der Byzantinischen Tradition (von Nemesios von Emesa bis Photios von Konstantinopel), Il poligrafo
ID: 4536346
Article
Digital Version
Download | Copy/paste | Printing
Freier Wille und Vorherbestimmung in der Byzantinischen Tradition (von Nemesios von Emesa bis Photios von Konstantinopel)
2017 - Il Poligrafo

135-137 p.

  • The text deals with the connection between human free will, providence and predestination in the Byzantine philosophical tradition. With reference to the positions of Gregorios of Nyssa, Gregory the Theologian, Nemesius of Emesa, John Cassian, Maximus the Confessor, Johannes Damascenus and Photios of Constantinople, it will be shown that the thought of predestination is discarded by this tradition. In contrast, the manifold interaction between providence, divine grace and the human free will is discussed in detail. God's foreknowledge does not make human acts necessary or involuntary. The freedom of the human will is not even violated by God. God does not force anyone to take a turn for the better. The free will and human work are inevitable for salvation. Bliss is not an irrevocable necessity, but rather the result of a free (human) decision for the good. [Publisher's text].
  • Il saggio si occupa del rapporto tra libera volontà umana, provvidenza e predestinazione nella tradizione filosofica bizantina. Grazie all'analisi delle posizioni dottrinali di Gregorio di Nissa, Gregorio il teologo, Nemesio di Emesa, Massimo il Confessore, Giovanni Damasceno e Fozio di Costantinopoli l'autore cerca di dimostrare che la dottrina della predestinazione viene rigettata in modo deciso dalla tradizione filosofica bizantina. La divina prescienza non condiziona in alcun modo la volontà umana. Dio non obbliga nessuno a fare il bene. Al contrario, la libera volontà e il libero agire dell'uomo sono necessari per l'umana redenzione. La beatitudine non è, quindi, il risultato di una necessità, ma di una libera scelta. La stessa grazia divina non è affatto invincibile: l'uomo può infatti accettare o rifiutare la grazia divina; il suo consenso è in ogni caso imprenscindibile. [Testo dell'editore].

Is part of

Medioevo : rivista di storia della filosofia medievale : XLII, 2017
EUR 9.62
VAT Excluded
PDF (0.25 Mb)
Compatible only with Adobe Acrobat DC (read more)