Torrossa Online Digital Bookstore 0

La tua libreria digitale di ricerca

Libro, Lettere e pagine di diario (1938-1946), Berger, Sara, editor - Cividalli, Gualtiero, Giuntina
EB
Libro
EB
Libro
Lettere e pagine di diario (1938-1946)
2016 - Giuntina
ID: 3110200
ISBN: 9788880576341
  • Informazioni
    DESCRIZIONE

    È l’affermarsi dell’antisemitismo in Italia nel 1938 a spingere il sionista e antifascista fiorentino Gualtiero Cividalli, insieme alla moglie Maria D’Ancona, a prendere nel giro di pochi mesi la decisione di emigrare in Eretz Israel, a Tel Aviv, per dare un futuro migliore ai cinque figli. Gualtiero comprende fin da subito la gravità delle Leggi razziali, come annota nel suo diario e nelle lettere a Maria durante i periodi di separazione. Con l’amore per il dettaglio descrive l’inserimento in quel “nuovo mondo”, il focolare ebraico in Palestina, allora sotto mandato britannico. Con acute osservazioni e profonda umanità commenta gli sviluppi militari e politici della seconda guerra mondiale. Posa lo sguardo e il pensiero sul Vicino Oriente e sull’Africa – col terrore che i nazisti si avvicinino alla Palestina – senza mai dimenticarsi dell’Italia, dove vivono i familiari e gli amici. I legami sentimentali e le preoccupazioni per coloro che sono rimasti nella “vecchia patria” sono ancora più forti nel momento dell’occupazione nazista, soprattutto quando incominciano ad arrivare – attraverso la Svizzera – notizie su deportazioni e uccisioni di persone care. La cura degli scritti di Gualtiero Cividalli, così come l’introduzione del volume, è affidata alla storica della Shoah Sara Berger. Specialista dell’“Aktion Reinhardt”, l’uccisione degli ebrei polacchi da parte dei nazisti, ha pubblicato Experten der Vernichtung (Hamburger Edition, 2013). È responsabile per la parte italiana del progetto tedesco di raccolta di documenti sulla persecuzione degli ebrei europei “Verfolgung und Ermordung der europäischen Juden” (VEJ). Gualtiero Cividalli nasce a Firenze nel 1899. Finito il liceo, partecipa alla guerra in qualità di ufficiale del Genio telefonisti ed è impiegato col grado di tenente in prima linea sul Piave, meritando una Croce al Merito di Guerra. Nel 1923 si laurea in ingegneria a Roma. Nel 1924 sposa Maria D’Ancona. Antifascista della prima ora, è fraterno amico dei fratelli Rosselli. Proibita dal regime la libera attività politica, si impegna nel movimento sionista al quale apparteneva fin da giovane, ed è nominato Presidente del Fondo Nazionale Ebraico (KKL) per l’Italia. Emigra in Palestina alla fine del 1938 e verrà raggiunto dalla famiglia tre mesi dopo. Muore nel 1997 ed è sepolto a Gerusalemme. [Testo dell’editore]

    324 p.

FORMATO :
DIMENSIONE DEL FILE: 4,08 Mb
Numero di stampe permesse: Stampa illimitata
Opzioni d'uso: Download, stampa autorizzata, no copia/incolla
Compatibilità: Adobe Acrobat, Desktop, App
Iva esclusa
EUR 16,00