Torrossa Online Digital Bookstore 0

Your store for digital research texts

Book, La Compagnia di Gesù e la riconquista cattolica dell'Europa orientale nella seconda metà del 16. secolo, Madonia, Claudio, Name
EB
Book
EB
Book
La Compagnia di Gesù e la riconquista cattolica dell'Europa orientale nella seconda metà del 16. secolo
2002 - Name
ID: 2251949
ISBN: 8887298408
  • Information
    DESCRIPTION

    Nel XVI secolo lo stato polacco attraversò un periodo di fermento anche per l'affermarsi di un ceto nobiliare nuovo, forte e combattivo, che arrivò a conquistare il parlamento, reso depositario del potere legislativo fino ad allora esercitato dal re e dal suo consiglio ristretto (vescovi e magnati di antico lignaggio). Nello stesso tempo la Riforma protestante aveva compiuto nel paese enormi progressi e circa un quinto della nobiltà aveva aderito al calvinismo; si era inasprito così il contenzioso con la chiesa, mentre il parlamento reclamava l'abrogazione degli obsoleti privilegi del clero e una decisa limitazione del suo potere politico. A Roma si guardava con viva apprensione la crisi della chiesa polacca, che sembrava avviata a riformarsi come chiesa nazionale: l'avanguardia politica del movimento nobiliare era costituita da riformati, ma alla battaglia contro i privilegi del clero aderiva, indifferentemente dal credo religioso, la grande maggioranza della nobiltà, sia calvinista che cattolica e ortodossa. In Polonia, divenuta terra di frontiera, la Compagnia di Gesù si insediò nel 1564. Dapprima accolti con diffidenza e ostilità dalla nobiltà protestante, i gesuiti, coprirono, in pochi decenni, l'intero paese di una fitta rete di collegi, che formarono, nello spirito della Controriforma, un ceto nobiliare nuovo, animato da fervore cattolico e antiprotestante. Contemporaneamente il movimento riformato, proprio mentre conquistava la propria legittimazione e l'uguaglianza giuridica di tutte le confessioni sul piano costituzionale, subiva una battuta d'arresto, cui seguì un declino irreversibile. Le grandi famiglie nobiliari voltarono ad una ad una le spalle alla Riforma, e tornarono in seno alla chiesa di Roma. Concluso a proprio favore il contenzioso col clero cattolico, la nobiltà non aveva più stimoli economici né politici a contrapporsi a una chiesa che si dimostrava tuttavia ancora potente e vigorosa. Adesso, grazie alla mediazione dei gesuiti e alla presenza vigile e costante dei nunzi pontifici, si era ricostituita fra l'altare e il trono un'alleanza capace di escludere dalla sfera del potere le grandi famiglie nobiliari che si fossero lasciate emarginare per la fede religiosa. Monopolizzando l'istruzione della gioventù e modellando il cattolicesimo romano nelle forme più consone alle esigenze di rango della nobiltà, i gesuiti contribuirono in misura determinante a fare della Polonia quell'antemurale del cattolicesimo postridentino che divenne per la Repubblica Nobiliare l'orgoglioso blasone al riparo del quale si avviò verso la sua lenta e fatale estinzione. [Testo dell'editore]

    334 p.

    NOTE
    • Includes bibliographical references.
    • C. Madonia teaches at the University of Bologna.
  • In this volume