Torrossa Online Digital Bookstore 0

Your store for digital research texts

Book, Mercati coperti a Palermo : un capitolo perduto di architettura e tecnica, Campisi, Tiziana - Vinci, Calogero - Fatta, Giovanni, Palumbo
EB
Book
EB
Book
Mercati coperti a Palermo : un capitolo perduto di architettura e tecnica
2013 - G.B. Palumbo
ID: 2626892
ISBN: 9788860177377
  • Information
    DESCRIPTION

    In area mediterranea il mercato di strada ha sempre rappresentato una forma organizzativa ben radicata, in ragione delle abitudini di gestione del commercio al minuto in modo libero, spesso caotico, sempre affrancato da controlli, utilizzando impropriamente ogni spazio pubblico aperto grazie anche al clima favorevole per buona parte dell’anno. Tra Settecento e Ottocento si assiste a Palermo ad un reale tentativo di razionalizzare il commercio in strutture stabili: si cercò di trovar posto alle attività commerciali spontanee in portici e loggiati, addossati agli edifici esistenti e talvolta anche isolati, nel riuscito tentativo di rendere ordinati e gestibili alcuni dei maggiori spazi commerciali. Il nuovo corso politico dell’Italia unitaria richiese ad ogni città di confrontarsi con le altre, di spremere le proprie scarse risorse per inseguire il miraggio di una qualificazione di modernità e di successo. Dopo un lungo e duro dibattito la città si indebitò pesantemente ed insieme a teatri e altre infrastutture urbane vennero realizzate due spettacolari strutture commerciali, simili a quelle che andavano sorgendo nelle maggiori città europee, ed in seguito anche strutture di minor impatto, quali tettoie e gallerie urbane. L’utilizzo del nuovo linguaggio in ferro e della cosiddetta “architettura degli ingegneri” favorì l’aggiornamento di un apparato produttivo ed imprenditoriale fragile, ma in rapida crescita. L’indagine capillare presso biblioteche ed archivi pubblici e privati, la ricerca su giornali dell’epoca, contribuiscono a delineare una originale chiave di lettura dell’evoluzione sociale, tecnica ed economica della città e degli abitanti, oltre a dar conto del rapporto conflittuale tra la richeista di regole e le esigenze dei venditori che rapidamente condusse allo smantellamento. L’elaborazione virtale delle strutture demolite restituisce l’aspetto dei mercati coperti non più esistenti; di questi oggi non rimane neppure il ricordo per il lungo tempo trascorso, e le poche tracce residue ci rimandano ad una città in cui ancora l’armonia generale veniva considerata un valore comune, in cui le demolizioni e le sostituzioni, anche solo di semplici tettoie metalliche, accendevano dibattiti lunghi e feroci. Dove queste architetture si sono salvate da ragionamenti economici di piccolo cabotaggio, da Stoccolma a Budapest, da Barcellona a Londra, i mercati coperti ottocenteschi mantengono perfettamente l’originaria funzione o sono riutilizzati per destinazioni compatibili, apprezzati ed inseriti a pieno titolo nei circuiti turistici che ne valorizzano la leggerezza del disegno e le straordinarie spazialità. [Testo dell'editore]

    213 p.

FORMAT :
FILE SIZE: 18.14 Mb
Authorised print limit: Max. 1
Permissions: Download, copy/paste and printing authorised
Compatibility: Adobe Acrobat, Desktop, App
VAT Excluded
EUR 25.20